ASSOTRIBUTI CHIEDE UN INTERVENTO IMMEDIATO AL GOVERNO E AL PARLAMENTO


Palazzo Chigi, Roma
Palazzo Chigi, Roma

A seguito dell’Emergenza del Coronavirus, il presidente Luigi Nicosia e il segretario Giuseppe Catizone hanno contattato il Parlamento e il Governo al fine di tenere in considerazione le esigenze del settore, uno dei maggiormente colpiti dalla Crisi.

Ecco il Testo della lettera Inviato al Governo e al Parlamento

il Covid-19, ormai Pandemia Globale, così come dichiarata dall’OMS, sta mettendo a dura prova il nostro Paese e il mondo intero. Tutto il sistema socio-economico è unito nell’affrontare questa straordinaria emergenza. È evidente per tutti che solo l’azione coordinata e unitaria potrà garantire la rinascita dell’Italia.
Il Comparto della Riscossione, che rappresentiamo, è stato fortemente percosso dalle misure per il contenimento dell’emergenza epidemiologica che il Governo si è visto costretto a prendere per contrastare il fenomeno del Coronavirus.
Questo ha imposto nei fatti un blocco completo della nostra attività, con cospicui sacrifici da parte dei lavoratori e delle imprese che rappresentiamo. L’attività ordinaria è sostanzialmente ridotta a zero. Una situazione per molte aziende insostenibile se protratta nel tempo e se priva di quei sostegni che possano garantire l’operatività aziendale.
Ma l’Italia è un Grande paese che sa reagire in modo straordinario nelle emergenze, come già dimostrato più volte passato. Tale circostanza riteniamo di poter essere uno dei tasselli della ripresa, in quanto, con la nostra azione continuativa garantiamo agli Enti Locali quel necessario flusso di cassa per ottemperare alle loro funzioni.
Per questa ragione chiediamo – a Governo e Parlamento – di essere coinvolti nella redazione di misure a sostegno del comparto (imprese e famiglie) e garantiamo la nostra massima collaborazione nella stesura delle stesse, in quanto riteniamo che soltanto l’Unità e la coordinazione di tutti i soggetti attivi nel Paese possa garantirci una vittoria certa.
Il momento è sicuramente uno dei più complessi della storia Repubblicana, ma notiamo con grande orgoglio, che tutto il Paese sta rispondendo in modo lodevole e che è rinata in tutti noi una voglia di riscatto inimmaginabile fino a pochi giorni fa.
Fiduciosi in un Vostro Riscontro, Vi ringraziamo per il tempo dedicatoci, e voglia l’occasione esser lieta per porgerVi cordialissimi saluti. Viva la nostra Italia
.”

Luigi Nicosia, il nuovo presidente

Luigi Nicosia, Presidente Assotributi

È Luigi Nicosia, presidente del Gruppo Nivi (https://www.nivicredit.it) il nuovo presidente dei Assotributi Italia. Succede a Stefano Napoletano, dimessosi per ragioni personali. Il segretario rimane Giuseppe Catizone.

Soddisfatto della nomina, Nicosia delinea le liee guida dell’Associazione: “Assotributi Italia intende operare per promuovere gli interesi degli associati in un’ottica di apertura e collaborazione con la Pubblica Amministrazione”.

Assotributi Italia, l’altra Associazione

È nata Assotributi Italia, in sigla , ASIT, l’associazione di categoria costituita da Società che esercitano attività di riscossione dei tributi e di altre entrate di Province e Comuni ai sensi dell’Art.53, comma 1, D.lgs, 15 dicembre 1997, n.446).

Gli obiettivi sono chiari: tutelare gli interessi degli associati, promuovendo la cultura della trasparenza, della legalità, in un settore che, in passato, non ha certo brillato.

Soddisfatto il presidente nazionale Stefano Napoletano: “Vogliamo essere un interlocutore reale per i nostri associati ed un partner affidabile per la pubblica amministazione”.

Anche il neo segretario nazionale Giuseppe Catizone  ostenta ottimismo: “Siamo un’associazione che ha l’obiettivo di promuovere quella cultura delle entrate e della legalità che oggi, purtroppo, non è così diffusa”.